TRANSLATE THIS BLOG

Translate

domenica 15 gennaio 2017



Il Brasile è una confederazione di stati, per la precisione 27 (i più famosi sono Sao Paolo e Rio de Janeiro) con capitale Brasilia. E' grande circa 28 volte l'Italia e con 192.000.000 circa di abitanti. Essendo un grande estimatore ed amante del nord-est del Brasile parliamo più diffusamente di questi stati.

Maranhao: Sao luis.
Piauì: Teresinha.
Bahia: Salvador.
Sergipe: Aracajù.
Alagoas: Maceiò.
Pernambuco: Recife.
Paraiba: Joao Pessoa.
Rio Grande do Norte: Natal.
Cearà: Fortaleza.
Personalmente ho visitato alcuni di questi stati, ma restringiamo ancora il campo e parliamo diffusamente del Rio Grande do Norte (che tradotto letteralmente vuol dire grande fiume del nord). E' uno stato grande due volte il Piemonte e conta circa 3.020.000 abitanti (registrati) in gran parte dislocati a Natal (800.000 ab.),(così chiamata perché scoperta il giorno di Natale) che ne è la capitale. Le altre città sono Mossorò che dista 285 km. da Natal e conta 235.000 ab.; il caldo in questa città al contrario delle zone sulla costa è opprimente ed esiste una leggenda che narra che mettendo un uovo sull'asfalto dopo poco lo trovi fritto. Parnamirim dista 12 km. da Natal e conta 175.000 ab. Altre cittadine sono Sao Gonzalo do Amarante dove si trova l'aeroporto internazionale '' Augusto Severo'', Cearà Mirim, Macaiba e Caicò che contano circa 60.000-80.000 abitanti.
Dopo aver girovagato un po' per il mondo nel 1997 sono approdato in questo stato e principalmente nella città di Natal e ho visitato il litorale nord fino a Fortaleza. Oltre alla bellezza dei luoghi e delle spiagge, all'ospitalità della gente posso affermare che qui si trova il clima più bello del mondo. Sole e 30°C per 365 giorni all'anno, caldo secco e ventilato. L'Oceano Atlantico è relativamente calmo e soprattutto caldo.
Meta di questo viaggio è un piccolo paesino, chiamato Caiçara do Norte a 150 km. da Natal nelle vicinanze di Sao Bento do Norte. Se vi interessano discoteche, mondanità, casino ecc.... fermatevi a Natal perché non troverete nulla di tutto ciò. Se invece vi piace tanto mare, tanto pesce fresco (Caiçara è la più grande colonia di pescatori del nord-est) e tanta pace e tranquillità questo è il posto che fa per Voi. Una discoteca (se così si può chiamare) aperta solo il sabato sera, proprio sulla spiaggia il ''bar do ''voador'' (nome senza fantasia, il voador è un pesce) dove anche lì una volta alla settimana generalmente il sabato o la domenica suona un gruppo dal vivo (e devo dire anche gruppi di un certo rilievo). La musica generalmente è il forrò (un tipo di lambada molto sensuale) ma anche il pagode ed il reggae. Per il resto tanta spiaggia libera senza rompimenti di coglioni e dove talvolta in settimana ti trovi da solo con le barche dei pescatori che non hanno preso la via del mare e bambini, tanti bambini che giocano spensierati. Poche macchine anche se stanno aumentando e tanti piccoli bar sulla spiaggia dove non manca mai birra gelata e caipirinha. La moneta è il Real che vale oggi circa E. 3,75 (pensare che nel 1997 era uguale al dollaro e che nel 2003 ha raggiunto E. 4,80), questo per dire che oltre al volo, il soggiorno costa veramente poco anche se in città (Natal) i motivi per spendere soldi non mancano.
Mentre scrivo mi sto chiedendo perché faccio tutto questo? A parte l'idea eccitante di fare un sito tutto mio, penso alla insoddisfazione ed alla depressione che ci prende in alcuni momenti, mi viene facile ricordare questi luoghi meravigliosi e mi torna il sorriso. Da un lato non vorrei che questa zona ancora relativamente vergine venisse invasa da turisti (nel 1997 nel paesino di Caiçara oltre ai due residenti di allora, sono stato il terzo Italiano a mettervi piede) anche se ad oggi la colonia Italiana è aumentata (non di molto), ma è naturale pensare che se non esplode il turismo non sarebbe possibile aprire attività o lavorare se non si ha come me un reddito fisso alle spalle. Anche io del resto sono in Italia a lavorare per un tozzetto di pane. Spero solo di arrivare alla pensione vivo (sempre che me la diano) e allora i tempi cambieranno: non più clima schifoso della valle Padana, niente tasse o relativamente esigue, niente più bollette paurose ed avere a disposizione cibo genuino ed aria ancora respirabile. Egoisticamente parlando, se aumenta il flusso dei turisti verso il nord-est, dovrebbero aumentare anche le compagnie aeree che effettuano questa tratta e di conseguenza esserci concorrenza. Il volo in bassa stagione costa da E. 800 a E. 1000 alzandosi in modo vergognoso a Dicembre (feste di Natale e Capodanno), a Febbraio (carnevale) e luglio-agosto perché la maggior parte degli Europei ha le ferie in questi mesi. A dicembre e febbraio si arriva fino a E 2.000 per tatta (una vergogna). E' ovvio che chi ha tempo utilizza un last-minute e risparmia alla grande.
Sport

Oltre al mare ed il sole non si può non parlare di Sport.

Personalmente sono un grande torcedor (tifoso) dell'AMERICA FUTEBOL CLUBE NATAL ma ovviamente seguo tutti i campionati brasiliani;
Quest'anno (2017) calcisticamente stà terminando ed abbiamo già dei verdetti: L'AMERICA Natal con un altro campionato a dir poco noioso non riesce a tornare nell'elite del calcio e resta in SERIE D; l'ABC Natal ultimo in classifica in Serie B ormai è praticamente spacciato alla Serie C; unica soddisfazione è il GLOBO di Cearà Mirim che è stato promosso per la prima volta nella sua storia in SERIE C).
Per chi volesse saperne di più sui CAMPIONATI STATALI DEL NORD-EST DEL BRASILE può visitare: http://calcio-nord-est-brasile.blogspot.com/